Amazon | Tutte le Migliori Offerte Black Friday

Attività Black Friday

Per il Black Friday 2016 il programma di Amazon è stato sviluppato su scala globale per favorire l’acquisto dei prodotti considerati più utili e più richiesti. Il range degli sconti si aggira tra il 30% ed il 70%, con picchi su alcuni prodotti di elettronica molto richiesti e desiderati. Sono numerosi i prodotti specifici che sono stati messi in vendita per il Black Friday 2016 di Amazon e tra questi è utile distinguerne alcuni relativi a:

  • gaming
  • fotografia
  • informatica
  • cinema
  • igiene personale
  • salute e benessere

Il Black Friday 2016 del 25 novembre è stato anticipato di qualche giorno da Amazon, che poteva contare su numerose e vantaggiose offerte online già a partire dall’inizio della settimana nella quale l’evento si svolge. Il grande richiamo globale ha prodotto risultati economici negli Stati Uniti, in Europa ed in Italia mai visti prima.

Rispetto allo stesso evento del 2015, l’azienda ha praticamente aumentato le vendite di più di un quinto. Il volume totale dei guadagni si è aggirato intorno ai 3,3 miliardi di dollari. In Europa a trainare le vendite sono Francia ed Italia, con rispettivamente 1.4 ed 1.1 milioni di prodotti venduti solo durante il Black Friday.

Sono numerosi i prodotti che sono stati piazzati e che hanno fatto furore da dietro le tastiere. I più richiesti sono stati quelli di elettronica, ovviamente, tra i quali le memorie di massa USB, di ogni forma e colore, andate letteralmente a ruba, gli spazzolini elettrici, con prezzi e caratteristiche davvero vantaggiosi e DVD special edition e collector edition di film come l’intera saga di Harry Potter, che conta un numero pazzesco di fans in Italia.

Più in generale, in tutto il globo, sono stati i prodotti di informatica ed elettronica quelli più ricercati, con un occhio particolare per smart TV, smartphone e tablet, che rappresentano da sempre il traino di questo tipo di ricorrenza.
L’arrivo di store online come amazon ha profondamente trasformato questa tradizione.

Dalla metà degli anni ‘00, infatti, il giorno del Black Friday si è come ampliato in quella che può essere considerata come la “settimana del Black Friday”. L’aumento della concorrenza tra negozi fisici e online, infatti, ha prodotto continui ribassi sui prezzi della durata di più giorni. Oggi, sempre più spesso, le migliori offerte sono disponibili su Amazon già a partire dai primi giorni del mese di novembre.

Storia

La storia di un marchio ormai conosciuto a livello globale inizia nel 1994. Proprio in quell’anno Jeff Bezos, ingegnere informatico, lascia il suo posto di lavoro sicuro per entrare nel suo garage e creare Cadabra.com, la futura Amazon. L’azienda inizia la sua attività proprio da lì e dalla spedizione di libri su tutto il territorio degli Stati Uniti, anche se la vera propria inaugurazione del sito di e-commerce è ritardata di circa un anno. Amazon.com, infatti, apre nel 1995 e dietro la sua origine, soprattutto per quel che riguarda il nome, c’è una storia un po’ particolare.

Per scegliere il nome, Bezos, pensava e ripensava a qualcosa di universalmente riconosciuto e che avesse un impatto “forte” su chi lo leggeva. Da qui iniziò a sfogliare il vocabolario per fermarsi a circa metà dell’elenco della lettera A. Per noia o per illuminazione, il dito di Bezos si fermò sulla parola Amazon, che da allora ha iniziato la scalata verso il vertice delle compagnie più conosciute al mondo.

Dall’esordio in garage all’inizio dell’attività online il passo è breve, per questo Bezos decise di trasferirsi da Houston, in Texas, alla città di Seattle, nello stato di Washington. Ma chi è Jeff Bezos, la persona dietro lo sviluppo di questa incredibile idea?
Bezos è nato in Nuovo Messico il 12 gennaio 1964, si è laureato a Princeton in ingegneria e lettronica e ha iniziato a lavorare tra i palazzi di vetro di Wall Street. Da lì prende l’idea di lavorare ad una sorta di collegamento internazionale in rete per lo sviluppo di commercio a livello globale e successivamente a questa idea partorisce Amazon.

Oggi Bezos controlla un numero molto elevato di altre società (tra cui il Washington Post) ed è la mente dietro i grandi successi della Blue Origin, l’azienda per il trasporto spaziale tramite vettori che, insieme alla Space X di Elon Musk, è riuscita nell’impresa di far decollare ed atterrare un razzo senza l’utilizzo di paracadute. Oggi l’identità di Amazon non è solo riconoscibile attraverso il proprio nome, ma anche grazie al particolare simbolo scelto per promuovere l’azienda.

La freccia arancione che attraversa il nome poco sotto e che sembra mettere in contatto la “A” con la “Z”. Proprio questa unione chiarisce gli intenti dell’azienda di e-commerce, come per dire: Amazon ha tutto, dalla A alla Z. Un ottimo modo per valutare una bella panoramica relativamente ai prodotti di un’azienda che oggi vende praticamente di tutto (anche automobili!).

Ma come è stato in questo senso l’inizio di Amazon? A partire dai libri dei primi giorni si è arrivati pian piano ai capi di abbigliamento passando per gli elettrodomestici fino ai prodotti di elettronica, che sono oggi quelli che vendono di più.
I numeri del conto economico di Amazon oggi sono da capogiro, ovviamente. Secondo Deloitte, l’azienda di Jeff Bezos è nella top ten dei retailer globali con un incremento nelle vendite al dettaglio del 20% circa nel quinquennio 2010-15.

Risultati finanziari 2016

Numeri impressionanti per il 2016 di Amazon che solo nel finale del 2016 è riuscito a mettere insieme qualcosa come 750 milioni di utile di esercizio, che andavano a correggere un fatturato da oltre 43 miliardi di dollari, anche se l’attesa degli analisti è stata in parte delusa, data la previsione di oltre 44 miliardi di dollari iniziali.

Il 2017 di Amazon è ovviamente all’insegna della programmazione, soprattutto per quanto riguarda i risvolti sull’occupazione. L’Azienda di Bezos, infatti, vuole crescere in Europa, dove già conta qualcosa come 50.000 dipendenti. Entro il 2017, infatti, questi dovrebbero diventare 65.000, aumentando, quindi, di 15.000 unità.